Legal advice, Privay & Cookie Law   |   Site map   |   Contacts
The “Sleep” vs the “Strenght” of Reason
Roma, Feltrinelli, 27th April 2004
Presentazione de “Il Sonno della Ragione” Vision (a cura di), Reset Editore 2004
LibrerieFeltrinelli, via V.E.Orlando 78/81
martedì 27 aprile 2004, ore 18.00


Di sonno della razionalità – come male oscuro e segno più profondo della crisi delle società avanzate e dell’epoca iniziata l’11 settembre – discuteranno gli autori del libro “Il Sonno della Ragione”, a cura del think tank Vision, il 27 aprile alle 18 alla libreria Feltrinelli, via Vittorio Emanuele Orlando, Roma. Sonno della razionalità di cui, “La Forza della Ragione” rischia di essere, paradossalmente, uno degli esempi più rumorosi.

Sulla crisi del pensiero razionale e sugli strumenti per contrastarne la deriva interverranno Giancarlo Bosetti di Reset, Marco Cappato, Piero Melograni, Giulietto Chiesa e Menachem Rabinowitz, ricercatore presso la Mandelschool di Gerusalemme, Francesco Grillo e Francesca Paci di Vision. Alla presentazione del “Sonno della Ragione” è collegato il lancio del progetto che Vision sta avviando sulla riforma delle Nazioni Unite. Esso è alla base dello sviluppo recente di una rete internazionale di think tank presenti a Londra, Budapest, Gerusalemme e nata in Italia con Vision.

“Il sonno della ragione”, edito da Reset in gennaio e di prossima ristampa da Marsilio, consta di 15 saggi scritto nel 2003 da diversi intellettuali e think tankers internazionali, tra cui Amartya Sen e John Gray della London School of Economics, Gianni Riotta e Massimo Nava, Geoff Mulgan, ex direttore della Strategic Unit di Tony Blair.

La tesi di Vision è che quello che stiamo vivendo non è uno scontro tra civiltà o peggio ancora tra religioni. Non è uno scontro tra civiltà, e interpretarlo così sarebbe il segnale più chiaro che la ragione si sta davvero pericolosamente addormentando e che, forse, i mostri che dal sonno vengono regolarmente generati stanno per risvegliarsi. È, invece, quello che stiamo per affrontare uno scontro tra la ragione e l’integralismo che attraversa tutte le civiltà, a cominciare da quella occidentale. Tutte le religioni, le classi e le posizioni politiche tradizionali.
La ragione sembra soccombere o perlomeno sembra essere in minoranza sul palcoscenico che i media ci propongono dalle televisioni. Schiacciata da uno scontro truculento tra ideologie che sono, peraltro, vecchie, e che avevamo dato per definitivamente superate dalla fine della Guerra Fredda. In realtà, l’epoca del terrorismo globale apre problemi completamente nuovi rispetto ai quali gli schemi vecchi e le vecchie contrapposizioni appaiono del tutto inefficaci (anche se paradossalmente essi sembrano le uniche chiavi di lettura disponibili che i media tradizionali riescono a proporci). In realtà, le soluzioni ai problemi della modernità – dice Vision – non possono essere quelle per un mondo che non c’è più. Non può essere – nel caso, ad esempio, del terrorismo globale – l’unilateralismo selvaggio né il multilateralismo dei veti. La soluzione è, in tutta evidenza, un multilateralismo radicamente riformato che richiede una innovazione profonda e un forte sforzo intellettuale e politico. Invece sembriamo quasi tutti addormentati in forme interpretative che non hanno più alcun senso.
Un appello, dunque, a "risvegliarci dal sonno", attraverso un libro il cui titolo denuncia il più rischioso dei problemi e che Vision – in un contesto che sembra dominato da retoriche che credevamo scomparse – propone attraverso tutte le sue iniziative.


Per ulteriori informazioni: Fulvia D'Ippolito, Vision, 06 85356021.